Lemme: “Immigrati veri e propri Disertori”

La pensa come me l'88% degli Italiani che mi vuole Ministro della Salute !!

"Chi fugge dalla propria Nazione (se in guerra) e non difende la propria Patria, è da considerarsi a tutti gli effetti un Disertore".


Queste le parole di Alberico Lemme ai microfoni de “La Zanzara” - chiamato ad esprimere un suo parere anche sull’annosa questione dei clandestini che sbarcano sulle nostre coste.

Dichiarazione shock ma non priva di logica e che giunge in pieno clima di campagna elettorale, subito dopo che lo stesso Dr. Lemme, incalzato da Cruciani e Parenzo, si dice disponibile a proporsi come Ministro della Salute - a disposizione gratuita - di qualunque forza politica che lo voglia candidare per questo incarico.


Notizia, quest'ultima, che si è immediatamente propagata in rete senza cadere nel vuoto e che da lì a poco, ha visto l'entrata in scena di Vittorio Sgarbi, leader di "Rinascimento" e che, con alcune dichiarazioni d'apertura, ha rilanciato favorevolmente quest'ipotesi e suscitato ulteriore clamore ed interesse, scaturiti poi in un sondaggio popolare che ha rilevato come l'88% degli Italiani - gli stessi che vorrebbero Alberico Lemme Ministro della Salute - concorda pienamente anche con il suo monito circa "l’invasione", per convenienze spacciata come immigrazione.


Che fare con i barconi ?

Lasciarli in mare e non andarli a prendere !! Le donne ed i bambini sui gommoni ? Non dovrebbero nemmeno salirci !! Vengono qui per dare un futuro ai lori figli...


Non offrono alcuna opportunità ai propri figli e nella migliore delle ipotesi, li condannano all’accattonaggio a vita !! Non si tratta di cinismo e nemmeno di fornire soluzioni “semplici” a realtà “complesse” - al contrario - di asserzioni schiette e dirette, certamente di pancia ma senz’altro sincere, intellettualmente oneste ! Tali affermazioni, giudicate “riprovevoli” ed “agghiaccianti” da parte dei soliti “perbenisti” sempre propensi - ma solo a parole - all’accoglienza e all’integrazione in virtù di caritatevole umanità o peggio ancora, in nome dello spirito Cristiano più volte evocato dall’anti-Papa Bergoglio, in realtà, mettono in luce un’altro aspetto che va oltre la discussione di merito.

Lemme, ci offre una chiave di lettura diversa, infatti, dice <<disertore>> per farci comprendere come - differentemente dal linguaggio mediatico corrente - lui utilizzi sempre e senza mezzi termini, le parole appropriate per definire senza ipocrisia un’azione piuttosto che una condizione, esattamente al pari di quando usa l’espressione <<ciccioni>>.

La sua esternazione, ci conduce ad una riflessione che dimostra, di fatto, come sia in atto un vero e proprio lavaggio del cervello a una popolazione. Si cambiano le parole per poter modificare i pensieri ed infatti, i mezzi di comunicazione, utilizzano regolarmente il termine <<migrante>> o <<profugo>> al posto di <<clandestino>>, proprio per modificare la percezione comune e condurre l'opinione pubblica verso l'accettazione di ciò che intimamente non considera giusto. A furia di ribadire tali concetti, i clandestini scompariranno !!


Iniziamo dunque a chiamarli disertori e forse, il risveglio delle coscienze, metterà in moto i meccanismi di autodifesa prima che sia troppo tardi e che l'Europa e l'Italia si arrendano all'invasione !!


Esattamente come sostiene Maurizio Belpietro nel suo ultimo libro "ISLAMO-FOLLIA", l'Occidente è vittima dell'ipocrisia e l'imperativo resta sempre il medesimo: sminuire, negare, tacere nascondere.


Alberico Lemme, è tra i pochi ad avere il coraggio delle proprie idee, di esprimerle pubblicamente, di argomentarle, di sostenerle e sopratutto, di non smentire le proprie affermazioni come chi, per convenienze varie, sceglie la strada dei comunicata stampa per "correggere il tiro", vedi le recenti dichiarazioni di Attilio Fontana candidato della Lega alla Regione Lombardia.


Lemme, al contrario, si dimostra coerente con se stesso e rispecchia, facendosene portavoce, il pensiero della maggior parte degli italiani che la pensano esattamente come lui ma che a differenza sua, non si esprimono con altrettanta fermezza, poiché pagano il prezzo aggiuntivo del giustificazionismo radicale, della contrizione perenne e del piagnisteo ipocrita, che ci vuole letteralmente imbavagliati nel silenzio. Meno si sfiora l'Islam meglio è !!


Perciò, ha perfettamente ragione Maurizio Belpietro: <<I fanatici dettano legge, tutti gli altri subiscono>>.

In conclusione, Alberico Lemme, sarà anche un personaggio insolente (semplicemente perché oltrepassa i limiti imposti dalle convenienze) ma è anche un uomo poliedrico, svincolato da qualsiasi logica di potere - dunque libero - che da ora in poi, continuare ad etichettare riduttiva-mente o esclusivamente, farmacista o dietologo, risulterà sempre più difficile se non improbabile, anche per chi, ironicamente, lo definisce un tuttologo.


La vera novità nel panorama "apolìtico" Italiano è proprio Lui e chi avrà il coraggio delle proprie idee, chi avrà la voglia di evolversi, non potrà negare che il risveglio delle coscienze è in atto e questo, è solo l'inizio !!


Dario Antonio


711 visualizzazioni0 commenti